Home

maggie cucciolo meticcio

I bisogni del cane – cosa serve a un cucciolo per crescere felice?

 

Siamo nel bel mezzo del Mese del Cucciolo e di argomenti da sviscerare sul tema arriva un cucciolo ce ne sono un’infinità, provo quindi ad affrontare la questione nel modo più semplice possibile, sezionando il tema in tante piccole parti, anche perchè altrimenti… è un attimo scivolare nel “mattone da leggere”.

ATTO PRIMO | I bisogni primari

Per far star bene un cucciolo che arriva in casa, per prima cosa dobbiamo assicurarci di soddisfare in toto i suoi bisogni primari, bisogni sia fisici che mentali.

Per quanto riguarda i bisogni fisici, dobbiamo fornire al piccolino:

  1. un’alimentazione corretta (fatevi consigliare dal vostro veterinario o da un bravo educatore)
  2. una ciotola d’acqua fresca SEMPRE a disposizione
  3. libertà da parassiti interni (vermi ecc.) ed esterni (pulci, zecche, flebotomi,…)
  4. la possibilità di dormire sonni lunghi e profondi, perchè è durante il sonno che il suo cervello “cresce” in maniera corretta – MAI svegliare un cucciolo mentre fa la nanna!
  5. consentire al piccolo di fare i suoi bisogni in base alle SUE esigenze – e non alle vostre! –  e queste cambiano anche in base all’età e alla taglia.
  6. fare in modo che il piccoletto non patisca il freddo e non soffra il caldo; anche qui è fondamentale ricordare che i fattori coinvolti sono moltisimi (taglia, età, razza o mix di razze, stagione, umidità, correnti d’aria, automobile, …)
  7. fornire al cucciolo la possibilità di fare movimento, sempre in base alle caratteristiche del singolo soggetto

Per quanto riguarda bisogni mentali, invece, dobbiamo fare in modo che il cucciolo:

  1. possa dedicarsi ad attività in linea con quello che a lui piace realmente (questo dipende sia dalle cosiddette “motivazioni di razza“, sia da inclinazioni  soggettive)
  2. abbia la possibilità di vivere una “vita sociale” (con animali e persone), sia all’interno del nucleo familiare, sia all’esterno.
    [N.B. questo non solo rende più gratificante il quotidiano del nostro cane, bensì ci consente anche di “vivere” il nostro cane nei contesti più diversi e, quindi, di condividere con lui la nostra vita, in un modo che risulti realmente piacevoli per entrambi; ed è proprio questo piacere condiviso che sta alla base di una Relazione di valore.]
  3. sia tutelato da un sovraccarico di emozioni negative, cercando di evitargli situazioni di stress/disagio e fornendogli la possibilità di vivere un gran numero di emozioni positive
  4. possa vivere in maniera equilibrata momenti di eccitazione e calma, evitando gli estremi come la sovraeccitazione e l’apatia; [gli addetti ai lavori parlano di arousal = stato ti attivazione del cane e, di conseguenza, il suo livello di attenzione nei confronti di ciò che lo circonda, noi compresi]
  5. abbia modo di costruire nella sua mente strutture cognitive flessibili che gli consentano di imparare a muoversi nelle situazioni più diverse, un “cervello elastico insomma, che gli fornisca gli strumenti adeguati per affrontare la vita con sicurezza e serenità.

Ecco, se volete che accanto a voi cresca un cane felice, sono questi i punti da ripassare a mente ogni mattina e ogni sera. Perchè prendere un cane, veramente, non è una passeggiata.

Ma soprattutto, un cane non si prende, un cane lo si incontra e insieme ci si sceglie per condividere la vita e costruire una Relazione profonda. 

Un sorriso,

m.

p.s. ringrazio Elisa Marzola per avermi aperto gli occhi sui bisogni e sul benessere dei nostri cani.

dogsoul

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...