Home

Leggendo il titolo di questo post, qualcuno avrà sorriso al ricordo del dottor Frankenstin che si rotola nel letto dopo essere stato costretto dagli eventi (nello specifico, dal signor Rosenthal) a guardare in faccia la realtà.

Tema ostico il Destino, specie se sei convinto che la tua storia te la costruisci tu stesso, attraverso le scelte che fai o quelle che decidi di non fare.

Sto cazzeggiando – perdonami il francesisimo – mentalmente, avvolta in una morbida coperta, accoccolata sul divano, una sigaretta accesa e un bicchiere di vino poco lontano.

Sto cazzeggiando perchè sono mesi che non scrivo una riga e ne avverto giorno dopo giorno una necessità crescente, un bisogno impellente, quasi fisico [Togli il “fisico”].

La prima regola dello scrivere dovrebbe essere quella di avere qualcosa di sensato da dire, qual…

BLACK OUT

Col mac non mi succedva mai, col pc ogni due per tre per errore seleziono senza accorgermene una parte di testo, poi ricomincio a scrivere e tutto scompare. Segue una lista di improperi difficile da buttare nero su bianco.

Nel pezzo che si è dissolto nell’etere facevo riferimento alla carta, tema ostico dicevo (quasi quanto il Destino). Stavo paragonando il blog a un quaderno e accennavo en passant al mio nuovo lavoro nel mondo dell’editoria.

Libri vs ebook. Librerie vs store online e chi più ne ha più ne metta. Insomma, tema complesso che non mi sentivo di affrontare. Non oggi.

Come faccio ora a riordinare tutti i pezzi?

Ci provo, a discapito della poetica e a favore della sintesi.

Non avevo idea di cosa scrivere, ero partita dal presupposto che affrontare ora il cambiamento radicale che sta attraversando il mondo dei libri mi sembrava prematuro.

Indi per quindi, ho digitato nella finestrella della ricerca in alto a destra sul pc la frase:

alla fine di ogni preghiera, contava una vertebra della mia schiena.”

Amo questa canzone di De André, e l’immagine contenuta in questo verso ogni volta – e in qualsiasi circostanza – mi fa accapponare la pelle.

Bene, a domanda google risponde, e al secondo posto della serp compare il blog di un ragazzo che ho incontrato alcune settimane fa per lavoro. Un giovane studente   che da qualche tempo lavora con un’importante casa editrice (“L’eleganza del riccio” ti dice qualcosa?), e che sta testando sul campo – e, lasciami dire, con successo – l’impatto dell’ utilizzo della rete e dei social media nel mondo del libro.

Insomma, aprendo il computer avevo scelto, e sottolineo scelto, di aspettare ancora prima di chiedermi ad alta voce quale sarà – realmente – il futuro dell’editoria in Italia, ma il Destino ci ha messo lo zampino. E l’ha fatto senza girarci troppo intorno.

Fortuna che “s’è fatta ‘na certa” e con la scusa di una cena posso fuggire al compito che il signor Rosenthal avrebbe voluto affibiarmi.

Mi serve ancora un po’ di tempo, devo far decantare pensieri ed emozioni prima di affrontare la questione di petto.

So anche che queste riflessioni danno frutti solo se condivise con altri, quindi sono qui a chiederti di darmi una mano per dare inizio alle danze.

Sono seria.

Ho bisogno di aiuto, di consigli, di pareri, di speranze, di realismo… di sogni.

Un sorriso,

m.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...