Home

Sono le tre del pomeriggio, mi nutro mentre preparo una presentazione in inglese per Prestiamoci, aspettando l’orario dell’ appuntamento fissato questa mattina per realizzare un’intervista telefonica con Giuseppe Altamore, ascolto musica, controllo il movimento delle nuvole che sfiorano i  miei tetti e lancio qualche occhiata a Margot che oggi ha scelto di trattenersi il meno possibile in verticale (verticale poi.. con quelle zampe corte corte.. vabbè).

Faccio due conti:

lavoro per una società che si occcupa di finanza, collaboro con un festival di cinema, attendo conferme da un consorzio per una collaborazione e ricevo proposte che riguardano la gestione di un portale che si occupa di animali.

E poi:

questa notte ho sistemato fotografie per un progetto che unisce rock e teatro, mentre riflettevo sull’Ufficiosostenibile, cercando di dare un senso compiuto a un piano contenuti.

Entropia? Forse sì… eppure è la mia fotografia.

Ho dato un’occhiata al mio curriculum, spesso mi è stata fatta notare la sua apparente incoerenza, certamente (dicono) frutto di una mia cronica incostanza. Mi è capitato – in passato – di vederlo sotto questa luce, eppure oggi 18 marzo 2010 sono contenta di non aver mai cambiato una virgola (fatta eccezione per gli aggiornamenti s’intende) alla sua struttura.

Del resto, cos’è un CV?

Secondo me un CV non va adattato alle esigenze del lavoro che si cerca… a parer mio, un curriculum vitae, come suggerisce il nome, dovrebbe raccontare il percorso professionale e privato del suo “propietario”. Un essere umano è la sintesi del suo percorso precedente, è la rappresentazione di un insieme infinito di variabili.

Io sono il mio CV:

io sono quella che a 15 anni ha cominciato a lavorare traducendo “Storie di cavalli”, quella che per un anno ha lavorato in un pub a Londra, quella che per una botta di fortuna si è trovata alla pagina dell’Arte del Corriere della Sera, quella che ha studiato comunicazione e voleva partire per Shanghai ma poi, per scelta , è rimasta a Milano per lavorare in un’agenzia di fotogiornalismo, quella che “l’agenzia di pubblicità (o comunicazione, come si usa dire oggi) mi sta stretta”, quella che alla fine fa il mestiere di suo padre, utilizzando strumenti che all’epoca non c’erano, ma salvaguardando il rapporto di fiducia che – secondo me – deve instaurarsi tra un’azienda e il proprio consulente di comunicazione (poco importa se si tratta di un’agenzia o di una singola persona).

Incostante sì, incoerente no, perchè una cosa l’ho sempre avuta ben chiara in testa: voglio fare un lavoro che mi piace, che mi dia soddisfazione e che mi permetta di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo, anche a costo di rimetterci economicamente.

Viziata? Forse sì e comunque a settembre, per pagarmi multe e tasse, ero in via Tortona a fare volantinaggio; umiliante a 30 anni? No. Divertente e formativo. Ancora una volta.

Un sorriso,

m.

6 thoughts on “Della coerenza e dell’incostanza – riflessioni sul CV

  1. Scusa, se puoi fare tutto questo da casa perché continui a vivere in quella città di m che è MIlano? Io sarei andata a vedere Shanghai (e poi altrove). Il CV non andrebbe adattato ma chi ha tempo e voglia) di leggersi milioni di CV di 6 pagine ciascuno? Tanto lo sai che il lavoro lo si trova anche e soprattutto per il fattore C (culo).

    • ciao, ho letto tutti i tuoi commenti e le tue riflessioni. sono passati 4 anni da questo post e, in questi anni, sono cambiate molte cose. nel frattempo ho avuto modo di fare anche una bella esperienza in un’azienda italiana (ambito editoria) e ora sono tornata a lavorare in proprio. traduco e lavoro con i cani… e sono felice. e, per quanto Milano e l’Italia tutta al momento siano luoghi “difficili” da digerire, un po’ per la crisi e un po’ anche per l’aria che tira, non ti nascondo che restare qui per certi versi mi fa sentire utile al mio paese (a costo di passare per stupida romantica); andarsene sarebbe facile e “comodo”. resto e sono felice di poter scegliere ogni giorno la mia vita. un sorriso sotto a questo sole splendido (era ora!!)

  2. La costanza è come il natale;
    quando arriva, arriva.

    La coerenza, è dote ormai poco comune.
    Direi molto più importante della costanza.

    Era un pò che non scrivevo pensando al post che avrei voluto pubblicare; ti ho letto e la storia del CV mi ha tantissimo ispirato.

    E ho scritto.. un post che è un pò un CV virtuale, lungo quasi 8 anni, che ha solo l’inizio e la fine; in mezzo, c’è tanta vita.

    Grazie🙂

    Un abbraccio,

    S.

    ps: bellissima foto!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...